Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo
N° Verde Prenotazioni (rete fissa) 800.638638 | Centralino 0382.5011 YouTube
cerca nel sito
Menu Donazioni
In primo piano

Il Day Hospital Oncoematologico Pediatrico: la bellezza e la cura

(Pavia, 2 luglio 2018) -Grazie ai fondi raccolti da Fondazione SOLETERRE, circa 250mila euro, sono ufficialmente terminati i lavori di riqualificazione del DAY HOSPITAL PEDIATRICO del POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA, iniziati lo scorso 17 marzo.

«Un vero record in termini di tempi, efficacia ed efficienza e in un’ottica di psicologia ambientale dove la qualità degli spazi quotidiani diventa terapia, grazie alla bellezza eall’attenzione» – racconta Damiano Rizzi, presidente di Fondazione Soleterre e psicologo clinico.
I lavori di ristrutturazione sono stati realizzati in due fasi: una prima fase ha coinvolto la scuola e il corridoio del reparto, dove è stato ammodernato il controsoffitto con colori e illuminazione, realizzate grafiche a tema e apposti nuovi arredi funzionali allo studio e alla permanenza dei piccoli in reparto; una seconda fase, invece, ha coinvolto l’atrio d’ingresso della palazzina pediatrica, dove in particolare sono state ammodernate le pareti con grafiche e colori, sono stati acquistati nuovi arredi e nuove illuminazioni.
Il progetto è stato ideato dallo studio di architettura PRINCIPIOATTIVO Architecture Group srl, realizzato grazie al contributo di Associazione Trenta Ore Per la Vita e Banca d'Italia e il supporto del programma Televisivo Maurizio Costanzo Show. Il reparto è stato inoltre arricchito di beni e arredi donati da Fondazione Umberto Veronesi, grazie al prezioso contributo di Fondazione De Agostini, nell'ambito del progetto "Fondazione Umberto Veronesi Easy Room", che si è ben integrato con il progetto di Soleterre, destinando spazi appositi agli adolescenti in cura.
IL DAY HOSPITAL ONCOEMATOLOGICO PEDIATRICO
Il Day Hospital di Oncoematologia Pediatrica è parte integrante fondamentale della reparto di cura e degenza.
Così come è strutturato, è attivo da 15 anni: da allora, è cresciuto progressivamente in termini di servizi con l’incremento di attività della struttura diretta da Marco Zecca.
E’ aperto 6 giorni alla settimana: da lunedì’ a venerdì, dalle 8.00 alle 20.00 e il sabato dalle 8.00 alle 16.00.
Ogni giorno, in media, accedono al Day Hospital, 45 pazienti, tutti compresi nella fascia d’età che va da 0 a 18 anni: sono bambini e ragazzi che hanno fatto il trapianto di midollo o che stanno facendo la chemioterapia oppure, ancora, che hanno concluso le cure e che si devono sottoporre a controlli.
La struttura svolge anche la funzione di ambulatorio ematologico generale presso cui si possono prenotare prime visite o in cui i pediatri di famiglia possono indirizzare i propri pazienti per eventuali e necessari approfondimenti.
Nel corso di un anno (considerando i soggetti che accedono una e più volte) transitano dal DH migliaia di malati: nel 2017 sono stati oltre 8.000 gli accessi. I nuovi pazienti, sempre lo scorso anno, sono stati 280, di cui 80 sono stati presi in carico dalla struttura di cura al quarto piano del Padiglione pediatrico, perché affetti da neoplasie o da malattie del sangue non tumorali, ma comunque gravi.
L’attività del Day Hospital è orientata alla deospedalizzazione, per quanto è possibile, delle cure mediche. Il paziente che deve essere sottoposto a programmi di chemioterapia, ad esempio, e che non necessita di degenza notturna ovvero di terapia infusiva da somministrare anche nel corso della notte, ricevono il trattamento, preferibilmente in regime di DH, consentendo loro così di andare a casa. Lo stesso vale anche per le terapie di supporto (trasfusioni, eventuali infusioni di antibiotici, nutrizione parenterale, etc.).
I pazienti del DH oncoematologico pediatrico provengono per il 40% dalla Lombardia, per il 30% da fuori regione e per l’altro 30% da Paesi europei. Per quanto riguarda le patologie tumorali si registra una prevalenza di maschi (60%).
“I lavori di riqualificazione – spiega Marco Zecca - hanno permesso di distinguere meglio gli spazi per intensità assistenziale e per fasce di età. Sono aspetti moto importanti. La distinzione per intensità assistenziale consente di identificare gli spazi per ragazzi immunodepressi, che sono sottoposti a chemioterapia o che hanno fatto il trapianto di midollo, rispetto a quelli che ospitano i ragazzi in prima visita”.
“La distinzione per fasce di età – aggiunge il Direttore di Oncoematologia Pediatrica consente di rispondere meglio alle diverse esigenze, necessità e interessi dei pazienti”.
“L’intervento di Soleterre – spiega a sua volta Il Direttore Generale del San Matteo, Nunzio Del Sorbo - ha contribuito a migliorare e garantire ulteriormente la qualità assistenziale della struttura e la sicurezza dei nostri piccoli pazienti”.
SCHEDA DEI LAVORI
L’ambiente di vita circostante e gli spazi fisici hanno un ruolo importante sull’esperienza di cura e sui suoi esiti, in modo particolare nel caso di bambini e adolescenti, che nella loro fase evolutiva hanno la necessità di continuare, anche in ospedale, a sviluppare competenze utili ad affrontare il mondo e le relazioni sociali. Seguendo questo criterio di psicologia ambientale è stato riqualificato il Day Hospital Oncoematologico Pediatrico del Policlinico San Matteo di Pavia, un luogo funzionale alle esigenze clinico-sanitarie di cura e allo svolgimento di percorsi personalizzati attraverso attività psicosociali e terapeutiche in un ambiente protetto.
Nello specifico l’intervento ha interessato:
·       La riqualificazione degli spazi del reparto di Day Hospital, secondo un’ottica di percorsi differenziati per il follow-up dei pazienti e di ambiente a misura di bambino, con l’adeguamento delle porte, delle controsoffittature e l’apposizione di grafiche e colori;
·       La creazione di spazi dedicati ai bambini e agli adolescenti immuno-compromessi, affinché possano soddisfare le loro esigenze di privacy e gli interessi extra-ospedalieri (sport, musica, internet, istruzione), con il restyling dell’aula scuola all’interno del reparto e la riorganizzazione e l’arredo degli spazi dell’atrio.
I lavori sono iniziati a marzo 2018 con la ristrutturazione della scuola e il corridoio del reparto, dove è stato ammodernato il controsoffitto con colori e illuminazione, realizzate grafiche a tema e apposti nuovi arredi funzionali allo studio e alla permanenza dei piccoli in reparto, e l’atrio d’ingresso della palazzina pediatrica, dove sono state ammodernate le pareti con grafiche e colori, sono stati acquistati nuovi arredi e nuove illuminazioni. Abbiamo cerato spazi dedicati alle diverse fasce di età (in particolare per l’adolescente) per soddisfare le esigenze, non solo medico-assistenziali, ma anche didattiche e ludico-ricreative per tutti i pazienti del reparto.
L’obiettivo di questo progetto è favorire quanto più possibile la de-ospedalizzazione dei pazienti oncoematologici, favorendo la somministrazione della chemioterapia e terapia di supporto in regime ambulatoriale o di ricovero diurno e permettendo così il ritorno dei bambini alla propria casa al termine della giornata.
L’intervento si è concluso nel mese di giugno 2018.
Degli spazi rinnovati potranno beneficiare gli 8.500 pazienti che ogni anno transitano dalla struttura onco-ematologica del Policlinico, che consta di 5 sale ambulatoriali in Day Hospital, 21 posti letto in degenza ordinaria e 5 posti letto per i Trapianti di Cellule Staminali Ematopoietiche, eccellenza della struttura.
(Nella foto, da sinistra a destra, durante la conferenza stampa di presentazione dei lavori: Giorgio Girelli, Damiano Rizzi, Danilo Pilotti, Natasha Stefanenko, Nunzio Del Sorbo)
 STAMPA
  •  
     
  •  
 
Data ultimo aggiornamento: 02/07/2018