Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo
N° Verde Prenotazioni (rete fissa) 800.638638 | Centralino 0382.5011 YouTube
cerca nel sito
Menu Donazioni
In primo piano

Posso far visita ad un parente ricoverato?

Stante l'evoluzione epidemiologica del virus le visite ai pazienti ricoverati sono consentite con le seguenti modalità: 

  • accesso consentito ai familiari di pazienti COVID negativi con programma di ricovero superiore a 3 giorni (oltre 2 notti di ricovero);
  • 1 familiare per paziente ricoverato (preferibilmente lo stesso) per tutta la durata del ricovero, in possesso di Green Pass e con TC° < 37.5, con permanenza massima di 45 minuti;
  • giornate previste per le visite: mercoledì, sabato e domenica dalle ore 11:00 alle ore 12:00 oppure dalle ore 17:00 alle ore 19:00. 

Sono confermate le misure comportamentali attualmente previste (igiene mani e utilizzo di mascherina chirurgica/FFP2).

Restano invariate le disposizioni relative ai pazienti in condizioni di particolare gravità o aventi titolo (es.minori, disabili).

Per i pazienti minori o disabili o che comunque richiedano assistenza continua (ad es. invalidi civili al 100% con incapacità di compiere gli atti quotidiani della vita), è consentita la presenza di un caregiver per tutta la durata del ricovero, previa conferma della negatività del tampone rinofaringeo per la ricerca del virus SARS-CoV-2 eseguito (anche all’accompagnatore) prima dell’ingresso.

Sono, inoltre, autorizzate le visite (da concordarsi con i Responsabili di UOC e Coordinatori infermieristici) ai pazienti in condizioni cliniche terminali con prognosi infausta a breve, potenzialmente già nel corso del ricovero e/o con fragilità estrema, per i quali è consigliabile l’esecuzione del tampone rinofaringeo. A titolo esemplificativo, ma non esaustivo, vengono elencate alcune condizioni di "fragilità estrema":

  • decadimento cognitivo severo (punteggio MMSE < 15), con utilità della presenza di un familiare per il mantenimento di un contatto con la realtà o per la riduzione della contenzione fisica o farmacologica;
  • gravi deficit neurologici (ad es., gravi compromissioni in patologie neurodegenerative);
  • disfagia con necessità di lunghi tempi di imboccamento (per la lentezza dell'innesco deglutitorio o per rifiuto del cibo in assenza di volti familiari);
  • elevato rischio di cadute (scala Conley con punteggio finale ≥ 2), con utilità della presenza di un familiare per sorvegliare il paziente e per favorire la mobilizzazione del paziente.

Non sono in ogni caso consentite visite che prevedano contatto diretto nei confronti di pazienti con infezione sospetta o accertata da virus SARS-CoV-2.

 STAMPA
  •  
 
Data ultimo aggiornamento: 10/03/2022