Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo
N° Verde Prenotazioni (rete fissa) 800.638638 | Centralino 0382.5011 YouTube
cerca nel sito
Menu Donazioni
Dipartimenti e Unità Operative

Chirurgia dell'ECMO

S.C. Cardiochiurgia - Dipartimento Cardiotoracovascolare

La Struttura è parte integrante della Cardiochirurgia, centro con il maggiore numero di trapianti di organi toracici effettuati a livello nazionale. L'esistenza di un programma di supporto delle funzioni vitali in attesa di individuare un donatore e di trattamento nel periodo post-operatorio costituisce la premessa per garantire la migliore assistenza possibile al paziente in attesa di trapianto. Il San Matteo è inoltre centro di riferimento nazionale per il trattamento dell’insufficienza respiratoria da virus H1N1

Responsabile Struttura

Dott. Carlo Pellegrini

Equipe

La Struttura si avvale della collaborazione del personale medico e tecnico della S.C. di Cardiochirurgia. Il personale infermieristico coinvolto è quello dell’Unità operativa dove si applica l’assistenza ECMO.

Contatti e informazioni


Tel. del Responsabile della Struttura: 0382.503252
Tel della Segreteria: 0382.502298 (dalle ore 8.00 alle 16.00)
Fax: 0382.503059
E-mail: c.pellegrini@smatteo.pv.it

 

Sede
Padiglione 32 (Reparti Speciali) - 3° piano

Visualizza la mappa

Attività, aree di eccellenza, patologie


L’ECMO (in italiano Ossigenazione Extracorporea a Membrana) è una tecnica di circolazione extracorporea, ovvero con un sistema esterno al corpo e che rimpiazza la funzione del cuore e dei polmoni, utilizzata come supporto cardiocircolatorio e/o respiratorio in pazienti con grave insufficienza cardiaca o respiratoria acuta. L’ECMO consente di trattare neonati, bambini e adulti per mantenerne il cuore e i polmoni a riposo, consentendo così il loro recupero funzionale.



Attività clinica

L’attività clinica si articola in:
  • trattamento dell’insufficienza cardiocircolatoria
  • trattamento dell’insufficienza respiratoria
  • rianimazione cardiopolmonare avanzata, in corso di arresto cardiaco refrattario
  • perfusione degli organi in corso di donazione a cuore non battente.


Aree di eccellenza

La stretta collaborazione con i Medici delle Rianimazioni I e II ha consentito al Policlinico “San Matteo” di essere riconosciuto come centro di riferimento nazionale per il trattamento dell’insufficienza respiratoria da virus H1N1.
Inoltre, la Struttura è parte integrante dellaCardiochirurgia che, all’interno del panorama nazionale, rappresenta il centro con il maggiore numero di trapianti di organi toracici effettuati. L’esistenza di un programma di supporto delle funzioni vitali nell’attesa del reperimento di un donatore e di trattamento dell’insufficienza primaria dell’organo donato nel periodo post-operatorio costituisce la premessa per garantire la migliore assistenza possibile al paziente in attesa di trapianto ed il costante miglioramento dei risultati di un’attività che caratterizza in modo particolare questo Ospedale.

Il trattamento dell’insufficienza cardiocircolatoria mediante ECMO è indicato in caso di:
  • infarto miocardico
  • embolia polmonare
  • intossicazione da farmaci
  • miocardite
  • sepsi
  • disfunzione cardiaca dopo intervento cardiochirurgico
  • disfunzione del cuore trapiantato
L’assistenza cardiocircolatoria può essere effettuata nel paziente in attesa di trapianto di cuore, in condizioni critiche, per consentire l'indivuazione di un donatore.
 
Il trattamento dell’insufficienza respiratoria mediante ECMO è indicato in caso di:
  • polmonite
  • ARDS
  • trauma
  • sindrome da aspirazione di meconio
  • ernia diaframmatica congenita
  • disfunzione del polmone trapiantato.
L’assistenza respiratoria può essere effettuata nel paziente in attesa di trapianto di polmone, in condizioni critiche, al fine di consentire il reperimento di un donatore.



Attività didattica
 
La Cardiochirurgia, da cui dipende la Struttura, è sede della laurea triennale per tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, l’unico corso di studi deputato alla formazione delle figure professionali ufficialmente abilitate alla conduzione della circolazione extracorporea (Decreto ministeriale n. 316 del 27.07.1998).